Ricottura, invecchiamento e ossidazione

Trattamenti termici principali

Ricottura per eliminare le tensioni

Trattamento termico per eliminare le tensioni interne residue

Applicazioni
Componenti impiegati nella deformazione plastica: lavorazioni intensive, saldatura, formatura a freddo, forgiatura o tempra e applicazioni generali dove sono richieste tolleranze dimensionali.
Questo trattamento termico viene normalmente eseguito sia su acciai allo stato ricotto che allo stato temprato e rinvenuto.

Scopo
Riduzione delle tensioni interne derivanti da lavorazioni meccaniche gravose, sia con asportazioni di truciolo che elettroerosione.

Specifiche tecniche
I componenti meccanici vengono riscaldati al di sotto della temperatura Ac1, compresa fra 450°C e 650°C, con uno specifico segmento di riscaldo e raffreddamento.

Ricottura di addolcimento

Trattamento termico eseguito ad alta temperatura per garantire una microstruttura uniforme e a grana fine con bassa durezza

Applicazioni
Componenti meccanici prima di lavorazioni meccaniche gravose, fusioni, pezzi forgiati o stampati a caldo.

Scopo
Migliorare la lavorabilità e conferire una buona isotropia alla microstruttura dell’acciaio.

Invecchiamento

Processo di indurimento mediante la precipitazione dei leganti nella struttura metallica.

Applicazioni
Gli acciai inossidabili indurenti per precipitazione sono classificati in: martensite a basso tenore di carbonio (7-4 PH), semi-austenite (17-7 PH) e austenite (A-286). L’indurimento per precipitazione può essere ottenuto anche con leghe non ferrose come alluminio, leghe di magnesio, ecc.

Scopo
Trattamento massivo (fino a cuore) atto a aumentare le proprietà meccaniche e della resistenza alla corrosione, con una minore deformazione rispetto ai trattamenti termici tradizionali.

Specifiche tecniche
Il materiale da sottoporre ad invecchiamento deve essere allo stato solubilizzato. Viene riscaldato il materiale a una opportuna temperatura per formare i precipitati e mantenuto per una data permanenza, a seguito della quale si procede con un raffreddamento sufficientemente drastico da prevenire la precipitazione dei carburi o fasi intermetalliche lungo i bordi dei grani.

Ossidazione

Processo termochimico per la formazione di uno strato superficiale ossidato controllato.

Applicazioni
Componenti automobilistiche, in particolare telai, freni, trasmissioni e componenti del motore, componenti idraulici esposti, parti impiegate in pressofusione a contatto con il liquido fuso.
Spesso viene eseguito a seguito della nitrurazione / nitrocarburazione.

Scopo
Miglioramento delle proprietà di scorrimento. Miglioramento della resistenza all’usura e della resistenza alla corrosione, soprattutto in combinazione a uno strato di composto di nitruro.
Questo trattamento è privo di variazioni dimensionali e conferisce un ottimo aspetto superficiale.

Specifiche tecniche
Processo di ossidazione a una temperatura compresa fra 400°C e 500°C per la formazione di un sottile strato di ossidi di colore nero fino a 5 µm di spessore sulla superficie (nitrurata).